Il principio dell’autoesclusione per i giocatori online

autoesclusione dai casino online

Si è sempre detto che quando si gioca ci si deve divertire prima di tutto, azzardare se “lo status” lo permette, e “rincorrere” la Dea Bendata se si possiede il raziocinio di” fermarsi al momento” in cui la “rincorsa” diventa troppo affannosa. Ecco, quindi, che si affaccia nella vita di un giocatore responsabile, oppure di un giocatore “caduto nella rete” e che vuole mettere uno “stop” alle perdite, il raziocinio della auto-esclusione. Ma come funziona? Ogni giocatore può decidere se escludersi dal gioco temporaneamente, oppure in modo permanente.

L’auto-esclusione temporanea all’interno dei migliori casino online: la si può impostare per un periodo di 7, 15 o 30 giorni e diventa operativa nel momento stesso in cui viene attivata. Durante questo periodo di auto-esclusione non verranno accettate nuove giocate o depositi sul conto di gioco online, mentre sono permesse tutte le operazioni di prelievo dal conto. L’auto-esclusione permanente: questa opzione ha l’effetto immediato ed esclude il giocatore dal giocare e depositare sul suo conto di gioco online senza una scadenza temporale. Ovviamente, restano attive unicamente le operazioni di prelievo. Qualora questa auto-esclusione venisse impostata per errore, è possibile chiedere la disattivazione della funzionalità al Customer Care che aiuterà nella procedura speciale. Invece, la revoca dell’auto-esclusione non può avvenire se non sono trascorsi almeno sei mesi dalla sua attivazione.

In relazione, a questa “scelta di vita” del giocatore d’azzardo e di colui che vuole giocare nel casino online migliore, la Rga (Remote Gambling Association) ha risposto alle sollecitazioni della Gambling commission inglese sulla necessità che gli operatori di gioco online mettano a punto dei sistemi di auto-esclusione per coloro che esagerano nel gioco. L’associazione degli operatori di gioco sta intraprendendo uno studio che contribuirà a modellare lo sviluppo dei sistemi di auto-esclusione ed a sostenere e consigliare la Rga durante il processo di attuazione.

La Commissione di gioco britannica che si occupa anche di casino online legali nello scorso febbraio ha inviato una circolare a tutti i titolari di licenza di gioco a distanza per informarli sulla necessità che si debba portare avanti la progettazione di un sistema nazionale di auto-esclusione e l’obbiettivo di questo progetto dovrebbe essere quello di fornire ai consumatori un processo unico che consenta loro di auto-escludersi da tutti gli operatori di gioco online che sono autorizzati dalla Gambling Commission. Sempre i vari siti dovrebbero mettere a disposizione dell’utenza misure per aiutare a gestire la dipendenza dal gioco d’azzardo ed indirizzarla a servizi specialistici e di supporto. Su questo la Gambling Commission è molto attiva e dettagliata.

La Remote Gambling Association asserisce, cosi come riportato sull’account Facebook italiano che offre notizie fresche sul mondo del gioco online e dei casino online, che l’auto-esclusione può essere uno strumento essenziale naturalmente per i giocatori che hanno problematiche oppure per coloro che sono in “sentore di problematica” . Gli strumenti di auto-esclusione saranno un enorme passo in avanti per avere un unico regime nazionale previsto dalla Commissione di gioco e dal governo inglese. Ovviamente, stabilire un sistema inter-industriale solleverà una serie di problemi tecnico-giuridici e di governance assai complessi e la Rga conferma che aver mantenuto la partnership con Kpmg aiuterà a “navigare” con successo in mezzo a tutti questi particolari dettagli che insorgeranno “in modo da essere pronti entro la fine del prossimo 2017 a metterli in pratica”. La Gambling Commission, da parte propria, collaborerà con Rga per raggiungere questo obbiettivo comune che si concentri su ciò che funziona meglio per le persone.